anno 1987

I comuni della zona promuovono una “Ricerca sui bisogni educativi extrascolastici dei ragazzi nella zona Empolese-Valdelsa” e ne presentano i risultati in una giornata di studio.

Da questa ricerca prende avvio il progetto di un “Sistema di Laboratori per la scuola e l’extrascuola” elaborato da Enzo Catarsi e Aldo Fortunati che viene presentato alla Regione per il finanziamento sulla legge per il diritto allo studio.

anno 1988

Il Consiglio Comunale con la delibera n° 248 del 4/7/1988 approva il Progetto di massima per la ristrutturazione dell’ex asilo nido di Barzino per accogliervi il “Centro dei Bambini e delle Famiglie”.

anno 1989

Il 13 e 20 febbraio due sedute del Consiglio Comunale sono dedicate al sistema formativo ad Empoli. Il “Centro dei Bambini e delle Famiglie” rappresenta la centralità dell’intervento dell’Amministrazione comunale.

la Giunta Comunale con delibera n° 631 del 17 Maggio, ratificata dalla delibera del Consiglio Comunale n° 167 del 29 Giugno, precisa le finalità del Centro e ne individua la nuova sede nel piano terra della scuola elementare di via Leonardo da Vinci.

Il 6 Novembre, con delibera n° 331, il Consiglio Comunale approva il progetto di ristrutturazione dell’immobile di via Leonardo da Vinci, destinandolo ad ospitare il “Centro dei Bambini e delle Famiglie”.

Il Consiglio Regionale della Toscana con delibera n° 544 del 27 Dicembre stanzia un contributo di 220 milioni a favore del Comune di Empoli per la sperimentazione di servizi per la prima infanzia. La determinazione dimostrata dalla Regione rappresenta una svolta decisiva e imprime una forte accelerazione alla realizzazione del progetto.

anno 1990

In due giornate, il 3 e il 13 marzo, in un convegno su “Scuola ed extrascuola” l’Amministrazione comunale ribadisce il proprio impegno per l’integrazione culturale tra scuola, extrascuola e famiglia all’interno di un sistema formativo fortemente integrato.

La Giunta Municipale, con la delibera n° 1386 del 28 Agosto impegna il contributo regionale per l’acquisto dell’arredamento del Centro.

anno 1991

Il progetto del Centro viene presentato e verificato nel corso del Convegno Internazionale su “I Servizi educativi e sociali per i bambini e le loro famiglie” che si tiene ad Empoli il 12 e 13 Aprile.

Tutto il resto dell’anno viene utilizzato per l’espletamento delle varie gare per gli arredi e per il prosieguo dei lavori di ristrutturazione dell’immobile di via Leonardo da Vinci.

anno 1991

Il progetto del Centro viene presentato e verificato nel corso del Convegno Internazionale su “I Servizi educativi e sociali per i bambini e le loro famiglie” che si tiene ad Empoli il 12 e 13 Aprile.

Tutto il resto dell’anno viene utilizzato per l’espletamento delle varie gare per gli arredi e per il prosieguo dei lavori di ristrutturazione dell’immobile di via Leonardo da Vinci.

anno 1992

Con delibera della Giunta Municipale n° 239 del 17 Febbraio si affida ad Emanuele Luzzati l’incarico della progettazione del logo del Centro e della illustrazione degli spazi.

La Regione Toscana con la delibera del Consiglio Regionale n. 162 del 18 marzo, denominata “Azione Programmata Infanzia Adolescenza e Famiglia” fornisce un altro formidabile impulso. Il progetto del “Centro dei Bambini e delle Famiglie” di Empoli diventa quasi un modello cui la Regione si è ispirata per legiferare, stimolando le amministrazioni comunali a realizzare i C.I.A.F. (Centri Infanzia Adolescenza e Famiglia).

Aprile-Giugno apertura sperimentale per due mesi della sezione 0-3 anni all’interno di alcuni spazi appena ristrutturati.

Con delibera n° 67 del 4 Maggio il Consiglio Comunale approva il progetto finalizzato per l’assunzione di 5 educatori extrascolastici da destinare al Centro.

Il 19 Dicembre apre ufficialmente il “Centro dei Bambini e delle Famiglie”.

anno 1993

In seguito all’espletamento di un concorso riservato a tutti i ragazzi per trovare il nome al “Centro dei Bambini e delle Famiglie”, con delibera n° 364 del 30 Marzo, la Giunta Municipale approva il risultato dei lavori della giuria: il Centro si chiamerà “TROVAMICI”.

11 giugno – prima grande festa del Centro TROVAMICI, con il contributo anche dei ragazzi e degli adulti, in Piazza XXIV Luglio e Via Leonardo da Vinci.

nel mese di ottobre iniziano le prime proposte di attività dei laboratori per gli adulti nei locali di via Leonardo da Vinci e di via della Repubblica (laboratorio di pittura), assieme al laboratorio teatrale.

anno 1994

Nel mese di gennaio inizia l’attività nel laboratorio di computer.

8 giugno – TROVAMICI IN FESTA! – seconda grande festa all’aperto in piazza XXIV Luglio, Largo della Resistenza e Piazza Farinata degli Uberti, con la partecipazione fattiva dell’AUSER e della Filarmonica Giuseppe Verdi.

Il laboratorio di pittura viene trasferito nei locali di via Cavour, in alcuni spazi liberi della scuola media Fucini.

Con delibera del Consiglio Comunale n° 122 del 21 Ottobre viene approvato il Regolamento di Gestione del TROVAMICI.

Si instaurano rapporti con la cattedra di informatica della Scuola Normale Superiore di Pisa.

anno 1995

Con delibera del Consiglio Comunale n.13 del 27 Febbraio viene approvata la convenzione con l’Università degli Studi di Firenze per lo svolgimento del tirocinio degli studenti del corso di laurea in Scienza dell’educazione.

4 Marzo – giornata di studio promossa dal Centro Studi Bruno Ciari su “Scuola ed Extrascuola”.

Dal 1° Aprile viene introdotta la tessera individuale di ingresso che prevede il pagamento di un contributo.

8 Giugno – TROVAMICI IN FESTA! – terza grande festa in piazza XXIV Luglio, Largo della Resistenza e via Leonardo da Vinci.

Luglio – iniziano rapporti di scambi educativi fra ragazzi del Comune di Empoli e del Comune di Aubervilliers.

Ottobre – avvio di nuovi laboratori per ragazzi e adulti: di movimento, di fumetto, intarsio, cineforum, in via Leonardo da Vinci e di fotografia e incisione, in via Cavour.

anno 1996

Con deliberazione n.48 del 3 Maggio il Consiglio Comunale approva la bozza di convenzione con l’Auser di Empoli per la gestione di alcune attività da parte degli anziani.

27 Giugno – TROVAMICI IN FESTA! – quarta grande festa in piazza XXIV Luglio, Largo della Resistenza e via Leonardo da Vinci.

Luglio-Agosto – Attività all’interno della struttura carceraria della Casa Circondariale di Empoli.

Settembre – spostamento dei laboratori di educazione all’immagine (pittura, incisione, fotografia) dall’edificio di via Cavour all’edificio di via Fratelli Rosselli che aveva ospitato, fino ad allora, il Liceo Classico Virgilio.

Ottobre – Il PEB (Programme Educational Building) dell’OECD (Organisation for Economic Cooperation and Development) pubblica sulla rivista “Schools for Today and Tomorrow” il progetto del Centro TROVAMICI, selezionato come uno dei progetti maggiormente innovativi a livello mondiale.

Con deliberazione della Giunta Comunale n.1414 del 28 Ottobre si decide la realizzazione di una presentazione multimediale del Centro Trovamici su CD-ROM.

Con atto della Giunta Municipale n.1702 del 16 Dicembre si delibera di procedere alla stampa del progetto del Centro.

Ottobre – “La domenica al TROVAMICI” – apertura del Centro anche alla domenica pomeriggio con giochi, animazioni, spettacoli per bambini, ragazzi, giovani e adulti.

anno 1997

Gennaio – Inaugurazione del nuovo Laboratorio ambientale nei locali del Palazzo Ghibellino.

Febbraio – Dopo la parte rivolta agli insegnanti inizia il lavoro con gli alunni delle scuole elementari, medie inferiori e superiori nell’ambito del progetto di comunicazione audiovisiva elaborato in collaborazione con il CE.ST.RI.COM. di Pisa ed il Centro Studi “Bruno Ciari” di Empoli.

Marzo – Inaugurazione dei nuovi locali destinati ai Laboratori di costruzione e di fotografia nell’edificio di via Leonardo da Vinci, 18.

Avvio di un progetto di educazione interculturale gestito dal Centro Ciari in collaborazione con i comuni dell’area.

Si lavora alla elaborazione di un progetto per un laboratorio multimediale per i giovani.

Dicembre – TROVAMICI IN FESTA! – quinta grande festa realizzata in coincidenza del “5^ anno di vita”. La festa prevedeva due fasi: al pomeriggio presso la sede (Via Leonardo da Vinci) rivolta prevalentemente ai bambini e la sera presso il Palazzo dell’Esposizione rivolta prevalentemente ai giovani e adulti.

Il 18 dicembre il Consiglio Comunale con atto n. 116 approva la Costituzione di una Associazione per la gestione delle attività del Centro Trovamici e dell’Università dell’Età Libera. L’Associazione, denominata successivamente, Associazione Culturale IL PONTE, vede coinvolti direttamente gli utenti nella gestione.